Mercato azionario debole, sconta già i tassi fermi della Fed a settembre?

Il mercato azionario americano continua a vivere una condizione di relativa debolezza. Quanto basta per poter propendere verso la valutazione che, probabilmente, il mercato sta già scontando la possibilità che la Federal Reserve non produrrà alcun rialzo dei tassi di riferimento a settembre. Non solo: oltre che a settembre, le possibilità che la Fed possa optare per un rialzo dei tassi nel corso della fine dell’anno stanno gradualmente diminuendo e, ad oggi, le stime di consenso danno una probabilità di crescita dei Fed Funds nel corso dell’ultima sessione dell’anno al 43%. Dunque, meno di un’opinionista su due ritiene che a distanza di un anno la Fed romperà nuovamente gli indugi e produrrà un ulteriore incremento, forse di soli 25 bp, dei tassi di riferimento. Continue reading

Sterlina apre in calo la settimana

La sterlina ha aperto la settimana in corso con una flessione che l’ha condotta a passare dalla quota di 1,32 a 1,31 GBP/USD. A pregiudicare la tenuta di posizione della valuta britannica sono state le letture finali del PMI manifatturiero, che è stato rivisto al ribasso a 48,2 punti dal 49,1 punti della stima preliminare. Il dato, di luglio, riflette l’effetto negativo di Brexit, ed è uno dei primi dati macroeconomici che sembra inglobare in maniera più efficace il trend assunto dalle valutazioni post referendum dello scorso 23 giugno. Continue reading